Sapkovsky ha richiesto ulteriori diritti d'autore per The Witcher

Lo scrittore crede che i creatori della serie di giochi Witcher lo abbiano sottopagato per aver usato i libri scritti da lui come fonte primaria.

In precedenza, Andrzej Sapkowski si lamentava del fatto che non credeva nel successo del primo The Witcher, pubblicato nel 2007. Poi CD Projket gli offrì una percentuale di vendite, ma lo scrittore insistette per pagare un importo fisso, che alla fine risultò essere molto meno di quello che poteva ricevere accettando l'interesse.

Ora Sapkowski vuole recuperare e si è appellato per pagarlo 60 milioni di zloty (14 milioni di euro) per la seconda e terza parte del gioco, che, secondo gli avvocati di Sapkowski, sono stati sviluppati senza un adeguato accordo con l'autore.

CD Projekt ha rifiutato di pagare, affermando che tutti gli obblighi nei confronti di Sapkowski erano stati rispettati e che avevano il diritto di sviluppare giochi con questo franchise.

In una dichiarazione, lo studio polacco ha notato che vuole mantenere buoni rapporti con gli autori delle opere originali per cui pubblica i suoi giochi, e cercherà di trovare una via d'uscita da questa situazione.